31 Mar 2016

Aprile: frutta e verdura di stagione

Aprile: frutta e verdura di stagione

 

 

Arrivederci inverno, bentornata Primavera! Ad Aprile nuovi profumi riempiono le nostre cucine, nuovi colori e sapori le nostre tavole e i nostri piatti.

La bella stagione entra nel vivo, le giornate si allungano, le temperature crescono e grazie ai primi caldi gli orti e i giardini prendono finalmente vita, e con la Primavera viene anche il momento di fare il pieno di frutta e verdure fresche tipiche di questa stagione, nutrienti rinfrescanti e adatte per preparare il nostro organismo alle temperature più calde e la nostra pelle all’esposizione al sole.

Le verdure di Aprile

Le verdure di Primavera sono un trionfo di colori accesi e di profumi freschi, e allora ecco che sul calendario invece di radicchio, zucca e cardi spuntano asparagi, fave, lenticchie, fagioli, piselli, porro, carote, finocchio e bietola. Avremo modo di trovare solo fino a fine Aprile gli ultimi cavoli, spinaci, porri e carciofi da portare in tavola freschi, tra i banchi del mercato la scelta di verdure in questo mese diviene naturalmente più ampia e varia.

Una vera e propria ricchezza che ci consente di preparare gustose ricette: ricche minestre, primi piatti freschi e contorni leggeri e invitanti, insalate gustosissime e colorate. Scegliere verdure di stagione vuoi dire scegliere verdure fresche e raccolte secondo la loro maturazione naturale, in cucina e a tavola godremo di un sapore pieno.

E allora eccovi una lista di tutto ciò che di buono ci offre questa splendida stagione:

Asparagi

 asparagi verdi

Al primo posto nella lista della spesa di Aprile troviamo questo ortaggio, ricchissimo di fibre, calcio, fosforo, magnesio e potassio. Abbondando nel suo contenuto di vitamina A, B6 e C l’asparago è invece poverissimo di grassi. Con le sue proprietà antiossidanti è l’alimento ideale per disintossicarsi dalle tossine accumulate durante le fredde giornate invernali. Per essere sicuri che gli asparagi siano freschi bisogna osservare le punte: non devono essere piegate, ma belle dritte, devono essere chiuse e spezzandole devono venir via di netto, scrocchiando. I gambi devono essere lucidi, duri, flessibili e privi di screpolature.

Tra le varietà di asparago si possono distinguere:

  • Asparagi bianchi, coltivati al riparo da fonti di luce
  • Asparagi verdi, che germogliano all’aperto
  • Asparagi violetti, che espongono la parte superiore al sole per colorarsi
  • Asparagi selvatici, di forma sottile e colore verde uniforme

    Con gli asparagi si possono preparare centinaia di ricette squisite: una ricetta classica è senz'altro asparagi (bianchi o verdi) con le uova in camicia (all'occhio di bue), ma si può preparare anche un risotto di asparagi (bianchi, verdi o selvatici), una lasagna di asparagi e ancora una vellutata o una frittata con asparagi.

Barbabietole Rosse

barbabietole

La barbabietola rossa, o rapa rossa, è una radice dal particolare colore rosso, molto dolce e ricca di sali minerali, può essere consumata cruda, grattugiata o affettata sottilmente e semplicemente condita con del succo di limone, oppure lessata, cotta al forno o in padella. È iricca di sali minerali come sodio, calcio ferro, fosforo e potassio, oltre che di vitamine, prime fra tutte la A e la C. Sia il tubero che le foglie contengono inoltre un'alta percentuale di antiossidanti e flavonoidi, utili compagni nella lotta ai radicali liberi.  Anche se controindicata per i diabetici, la barbabietola è una pianta depurativa e ricostituente adatta per favorire la digestione. Ottima nei casi di stitichezza, dal succo ricavato dalla radice si ottiene un prezioso rimedio per chi ha la pressione alta e per chi soffre di forti dolori mestruali. Si può preparare in molti modi, fra le ricette migliori ci sono il risotto di barbabietole, i canederli di barbabietole, la mousse di barbabietola, si può gustare benissimo anche in insalata o preparata in carpaccio con olio extravergine d'oliva, sale e succo di limone.

Cicoria

 cicoria catalogna

Tipica della cucina povera, soprattutto quella selvatica, dal sapore particolarmente amarognolo la cicoria è una pianta erbacea perenne che contiene molta vitamina A e C oltre che a calcio, fosforo, ferro e carboidrati. Con le sue proprietà depurative la cicoria stimola l’appetito, regolando le funzioni intestinali, del fegato e dei reni. Dal punto di vista culinario, l'impiego più comune della cicoria riguarda le sue foglie, da aggiungere fresche nella preparazione delle insalate. Le foglie di cicoria possono essere consumate in ogni caso sia crude che cotte e la loro raccolta è preferibile avvenga prima della fioritura, in quanto le foglie di cicoria rischiano di seccarsi facilmente dopo la comparsa dei fiori. Nella cucina regionale, questo ingrediente è protagonista di piatti vegetariani a base di cicoria e patate e di uno speciale purè di fave e di cicoria, tipico della Puglia.

Fave

fave

Croccanti e gustose, è il mese di Aprile il periodo migliore per consumare le prime fave della stagione. Ma anche se è una portentosa alleata contro l'anemia, in quanto questo verde legume contiene una elevata quantità di ferro, attenzione perché in realtà la fava potrebbe diventare un pericoloso nemico, per chi invece soffre della tanto temuta malattia chiamata favismo. Buone da mangiare fresche e crude, le fave possono anche essere essiccate o messe sott’olio così da averle disponibili fino alla successiva stagione invernale. 

Gustose e adatte a molte preparazioni in cucina, le fave restano sul mercato per poco tempo, scomparendo ai primi caldi, potete verificarne la freschezza guardando il baccello, che deve essere lucido, duro, croccante e verde brillante, deve rompersi alla pressione con uno schiocco. Ricche di proteine e fibre vegetali, povere di grassi, le fave hanno proprietà diuretiche ed energizzanti. In cucina sono ottime per una pasta come le mezze maniche alle fave e pecorino oppure per la preparzione di una vellutata, ottime anche con un risotto di seppie e fave o in una torta salata con uova e formaggio.

Tra le altre verdure primaverili che potete trovare al mercato in questo periodo ci sono:

  • Broccoli
  • Carciofi
  • Carote
  • Cavolfiore
  • Cavolo cappuccio
  • Cavolo verza
  • Cavolini di Bruxelles
  • Cime di rapa
  • Cipollotti
  • Coste
  • Crauti
  • Crescione
  • Erbette di campo
  • Finocchi
  • Indivia
  • Lattuga
  • Luppolo
  • Ortica
  • Piselli
  • Porri
  • Rabarbaro
  • Radicchio rosso
  • Rape
  • Ravanelli
  • Rucola
  • Spinaci

La frutta di Aprile

Fragole

 fragole

Gustose e dal rosso intenso, cominceremo a trovare le fragole più dolci soprattutto a fine Aprile. La fragola èmolto ricca di vitamine ed in particolare di vitamina C, anche se rientra nella categoria della frutta è in realtà un falso frutto, infatti i frutti veri e propri sono i cosiddetti acheni, ossia i semini gialli che si vedono sulla sua superficie. Sono un frutto buonissimo che piace davvero a tutti, perfette per preparare una crostata di pasta frolla con crema pasticcera o per una macedonia di frutta deliziosa.

Kiwi

kiwi

Dalle infinite proprietà benefiche il kiwi contiene molta vitamina C anche più del limone. Questo frutto così strano pieno di semi e dalla buccia pelosa, è ricchissimo di potassio e vitamina E, rame e ferro. Antianemico e antisettico, nel kiwi si riscontrano anche alti contenuti di minerali e proprio per questa sua particolarità è in grado di regolare la funzionalità cardiaca e la pressione arteriosa. Diuretico e rinfrescante il kiwi è inoltre ottimo per rafforzare le difese immunitarie.

E per finire non dovranno mai mancare della nostra dieta quotidiana di Aprile:

  • Arance
  • Limoni
  • Cedri
  • Mele
  • Pere

Spedizione 24/48 H

AuGusto - Spedizione in 24/48 ore

Reso Facile

AuGusto - Reso Facile

Consegna Gratuita*

IN TUTTA ITALIA
* per gli ordini sopra i 69 €

Pagamenti Sicuri

AuGusto - Pagamenti Sicuri

Bonifico 

Contrassegno

^

Augusto usa i cookies per il login, la navigazione e altre funzioni di tracciamento. Accetta o scorri la pagina per consentire i cookies.